PMI » Settori di Impresa » Agricoltura

Ortofrutta: nella conversione del Decreto Agosto importanti misure a sostegno

19 Ottobre 2020 in Notizie Fiscali
Fonte: Fisco e Tasse

Nella Legge di conversione del decreto agosto sono previste importanti misure a sostegno del settore agricolo.

Vediamole in sintesi:

L’art 58 bis ha istituito un Fondo di 20 milioni di euro per interventi di promozione della commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli di quarta gamma fronteggiando le difficoltà del comparto registrate con l’emergenza covid e anche allo scopo di sensibilizzare i consumatori rispetto ai livelli qualitativi e di sicurezza alimentare di tali prodotti.

Si definiscono prodotti ortofrutticoli di IV gamma: 

  • la frutta, 
  • la verdura 
  • gli ortaggi freschi 

a elevato contenuto di servizio, confezionati e pronti per il consumo.

Nella definizione di prodotti freschi confezionati e pronti per il consumo rientrano non soltanto le insalate in busta e la frutta di quarta gamma pronte a essere immediatamente consumate “a crudo”, ma anche gli ortofrutticoli pronti per essere utilizzati nella preparazione di alimenti da cuocere (es: verdure per minestrone).

Con l’art 60 7-sexies si sono riaperti i termine per i contributi a fondo perduto ex articolo 25 del “decreto Rilancio” per i soggetti residenti nei comuni totalmente montani, di cui all’apposito elenco Istat, rientranti nell’elenco della circolare del Ministero delle Finanze n.9/1993. 

I soggetti interessati possono presentare la domanda entro 30 giorni dalla data di riavvio della procedura telematica definita con provvedimento della agenzia delle entrate entro 15 giorni dalla entrata in vigore della legge di conversione e cioè a far data dal 14 ottobre 2020.

Infine, per i danni subiti dalle imprese agricole danneggiate dalle eccezionali gelate tra il 24 marzo e il 3 aprile 2020 si fa fronte con l’incremento della dotazione del Fondo di solidarietà nazionale per un importo di 10 milioni di euro per il 2020. 

Da notare le misure agevolative per sostenere l’avvio di nuove imprese anche agricole da parte di giovani under 30 e la possibilità di utilizzo delle risorse non impiegate per la riduzione volontaria della produzione di uve per il rafforzamento della misura della decontribuzione previdenziale già prevista anche per il settore vitivinicolo e per il sostegno dei vini Ddp e Igp 

I commenti sono chiusi