LAVORO » Lavoro » Rubrica del lavoro

Detassazione Premi: ok per il periodo di maturazione

6 Novembre 2019 in Rassegna Stampa
Fonte: Agenzia delle Entrate

La detassazione dei premi di produttività si puo applicare  per il periodo  dell'anno successivo all'accordo in cui si rilevi l'incremento. Questa in sintesi la risposta a Interpello 456 fornita dall'Agenzia delle Entrate . Vediamo il caso in questione 

Una azienda ha presentato interpello in tema di premi di risultato di ammontare variabile riconosciuti  alla categoria degli operai,  sulla base di specifica programmazione e controllo a partire dal 2016. La misurazione dei risultati raggiunti e della  determinazione dei Premi  è effettuata attraverso  indicatori di performance di stabilimento che indicatori di perfomance di area/dipartimento, i quali hanno una differente incidenza sulle modalità di calcolo, nello specifico rispettivamente 70 e 30% . La corresponsione del premio è stata effettuata in due rate distinte: anticipo alla fine dell'anno di riferimento e conguaglio. nell'anno successivo a quello di riferimento, entro e non oltre il mese di aprile.

Fino al 2018 l'azienda ha assoggettato le somme a tassazione ordinaria  in quanto all'epoca non aderente  ai requisiti previsti per l'agevolazione . Con accordo del 2 luglio 2018  sono stati definiti gli indicatori di riferimento dell'incremento di produttivita  e le regole concernenti il riconoscimento dei  Premi , in modo aderente all' articolo 1, commi da 182 a 190, della legge n. 208 del 2015. In particolare si è previsto  la detassazione del Premio maturato, si applichi laddove nel medesimo periodo si sia realizzato un miglioramento dei risultati   in  almeno uno degli indicatori rispetto al precedente periodo d'imposta 2017 . 

Chiedeva quindi se sussiste la possibilità di applicare il regime agevolato sulla quota  di premio riferito al 2018 a conguaglio del 70 per cento da corrispondere nel 2019 , tenendo conto che l'anticipo del 30 per cento è stato  corrisposto nel 2018 assoggettato alla ritenuta ordinaria  come da precedente accordo che non risultava  in piena aderenza ai requisiti previsti . 

La richiesta riguardava anche la correlazione tra la strutturazione del premio di risultato basato su incrementi sia di stabilimento che di area e l'erogazione del premio stesso .

Nella risposta l'Agenzia  evidenzia che la funzione incentivante della detassazione (ricordando anche le  circolari 15 giugno 2016, n. 28/E e 29 marzo 2018, n. 5/E;  risoluzione 19 ottobre 2018, n. 78/E), può ritenersi assolta in quanto la maturazione del premio, e non solo la relativa erogazione, avvenga successivamente  alla stipula del contratto, sulla base del raggiungimento degli obiettivi incrementali ivi  previamente definiti e misurati nel periodo congruo  stabilito su base
contrattuale.
Pertanto, i criteri di misurazione devono essere determinati con ragionevole  anticipo rispetto ad una eventuale produttività futura.
 Nel caso in esame  dunque, qualora la misurazione degli indicatori rilevi, al 31 dicembre 2018, un  incremento del loro valore rispetto a quello  del  30 giugno 2018, l'applicazione dell'imposta sostitutiva del 10 per cento potrà  riguardare  il 50 per cento del premio di risultato del 2018.  Pertanto, la società istante in sede di conguaglio 2020 potrà recuperare le  maggiori ritenute operate sul 50 per cento del totale del premio relativo all'anno 2018.
Relativamente alle annualità successive, continua l'Agenzia " l'imposta sostitutiva potrà trovare  applicazione a condizione che l'indicatore di riferimento assicuri comunque conformità ai parametri normativi vigenti e sia individuato in data antecedente l'inizio del periodo di maturazione della retribuzione incentivante".
Infine,  il fatto che   gli indicatori di  performance di stabilimento e quelli di area/dipartimento  abbiano peso diverso  non ha rilevanza sull'applicabità dell'agevolazione in quanto  la strutturazione del  premio di risultato è un aspetto distinto da quello attinente gli incrementi di risultato  che l'azienda deve raggiungere .

Allegati:

I commenti sono chiusi